Menu

Fiumara d’Arte, la dimora dell’incanto

Fiumara d’Arte, la dimora dell’incanto

Dovete sapere che nella mia terra di origine, la bella bellissima Sicilia, vive un custode e fautore della più pura ed eterna Bellezza.

Da molti definito come uno degli ultimi grandi mecenati, Antonio Presti, è un innamorato e un gentiluomo, che fa dono alla sua amata terra del più prezioso e inestimabile degli omaggi. L’inno allo stupore.

Ho deciso con grande spontaneità e orgoglio di dedicare uno dei primi post inaugurali alla mia culla, e alla sua eccellenza.

La Sicilia mi appartiene, ed io appartengo a lei. In un rapporto di conflitto, dolore, idillio e speranza, per tutte le contraddizioni, meraviglie e ferite che cingono questa splendida, quanto maledettissima, isola. Quale conforto e sollievo per me, e per tutti noi amanti della buona e bella terra, imbattersi nel bagliore di un angelo custode che si prodiga per il meglio e l’incanto.

Nelle sue parole, che potete leggere e vivere sulla pelle in un brivido sincero, esplode tutta la passione per la vita e la natura, il rapporto con esse, l’opportunità di inneggiarle e valorizzarle sempre, con il rispetto e l’umiltà di un devoto.

A Castel di Tusa, piccolo borgo nei pressi di Cefalù, a pochi metri dal profumo del mare, “alberga l’utopia, quella dell’arte”.

L’Art Hotel Atelier, ideato e realizzato appunto dal visionario Presti, è un vero e proprio museo contemporaneo in cui trascorrere un soggiorno in perfetto stile extra – ordinario.
Quaranta camere, tutte vere e proprie opere d’arte, di cui venti realizzate da artisti di fama mondiale, fanno di questo pernottamento un’esperienza magnetica e surreale. Ma per completare in assoluto l’unicità di questi capolavori è necessaria l’emozione di chi le vorrà animare, afferma il suo ideatore e ispiratore, affermando che

“È solo entrando e abitando la camera che l’opera sarà pienamente realizzata; la presenza, l’uso della stanza, saranno parte integrante e fondamentale di essa”.

I nomi delle singole camere d’arte regalano già tutto il senso della extra – ordinarietà: La Bocca della Verità, Mistero per la Luna, Linea d’Ombra, La Stanza del Mare Negato etc..
Un tripudio di fantasia, estro e genio. Dentro e fuori la struttura. Si, perché l’ideatore di questo hotel meraviglia lo è anche dell’imponente e magnificente Fiumara d’Arte, il parco di sculture all’aperto più grande d’Europa. E anche in questo caso, la mappa delle opere del Parco è un concentrato di luce, energia e creatività: La Materia poteva non Esserci, Una Curva gettata alle Spalle del Tempo, Monumento per un Poeta Morto, etc..).

Tra tutte le esperienze culturali e di sogno che la struttura e il parco garantiscono, ce n’è una in particolare che conquista l’interesse e la curiosità, il Rito della Luce.

Un’esperienza maieutica affidata ai giorni delle porte solstiziali, in occasione delle quali la scultura Piramide -38° parallelo viene del tutto aperta per consentire al viaggiatore uno sguardo elevato e aperto sull’universo.
Per consentirgli di disintegrarsi in un raggio di luce, riprendere fiato e coraggio, e ricomporsi in una fiamma ancora più integra e intensa.

“Io sono qui per stupirmi, con lo stupore si inizia e con lo stupore si termina”.

Dice il caro Presti. Non posso che unirmi a questa verità, e a questo augurio.
Io mi sono stupita e incantata, perdutamente.

Andate a Fiumara. Dovete.

Prenota adesso il tuo viaggio extra ordinario:

 

  • 484
  •  
  •  
  •  
  •  
    484
    Shares
Novembre 6, 2018
Il Tempio sospeso di Datong
Novembre 7, 2018
Passeggiata surreale nel Giardino dei Tarocchi
Per rimanere aggiornato sulle ultime notizie iscriviti alla nostra newsletter inserendo il tuo indirizzo email: