Menu

Le isole galleggianti del lago Titicaca.

Le isole galleggianti del lago Titicaca.

In Perù esiste una popolazione che vive fluttuando, tra passato e presente, tra il possibile e l’impossibile.

Un sogno ad occhi aperti: è questo che vi sembrerà di vivere quando anche voi vi unirete nel ballo ondulato delle onde e dei sorrisi di questo lago e del suo popolo.

A 3860 m di altitudine, su di una vasto altopiano, si trova Puno, maggiore centro del lago Titicaca.
Il lago, circondato da una corona di alte montagne, per le sue enormi dimensioni(84.000 kmq) sembra essere un mare. Gli abitanti sono gli Uros, popolazione che abita su isole galleggianti, realizzate in “totora”, una particolare erba che cresce sulle rive del lago.

Riuscite ad immaginare una popolazione sopravvissuta, e che ancora al giorno d’oggi vive, basando la propria esistenza sull’uso e consumo di una sola risorsa naturale? Ebbene si, gli Uros, o meglio i discendenti degli Uros, popolazione preincaica Peruviana stanziata sulle rive del lago Titicaca fu costretta dall’inesorabile avanzata dell’impero Inca a trovare una soluzione alternativa alla vita sulla terraferma. La soluzione trovata li ha portati ad essere da allora e fino ad oggi una delle comunità più ecosostenibili del mondo.Tutto nella vita degli Uros è infatti legato alla Totora, una pianta che cresce allo stato brado nelle acque del lago e che questa popolazione ha saputo rendere risorsa inestimabile.


L’arcipelago artificiale  su cui questa popolazione risiede sin dai tempi dell’invasione inca è infatti costruito ad hoc sfruttando l’immensa superficie del lago navigabile più alto del mondo ed è composto da più di cinquanta isole interamente costruite con canne di Totora intrecciate tra loro con una speciale tecnica molto antica che rende queste isole resistenti, calpestabili, se pur con un po’ di difficoltà nei primi passi,  e abitabili.


Le isole sono ancorate nella parte meno profonda del lago, possono essere spostate all’occorrenza e hanno bisogno di una discreta manutenzione, infatti periodicamente vanno aggiunte canne alle precedenti in modo da contrastarne il deterioramento.
Troviamo più o meno 20\30 persone per isola, ogni famiglia ha una casa costruita sempre grazie all’uso di questi giunchi e la propria zattera, neanche a dirlo fatta di canne di Totora, con cui potersi spostare da un’isola all’altra.

Troviamo l’isola adibita agli scambi commerciali, quella con la scuola, il tutto perfettamente costruito in modo ordinato ed efficiente e come dicevamo prima totalmente ad impatto zero sull’ambiente!
Se poi aggiungiamo anche che tutti gli utensili necessari alle attività quotidiane sono costruiti con questa canna che è usata anche per accendere il fuoco e quindi per cucinare i cibi, che sono per lo più a base di pesce fresco di lago e di germogli di Totora, capite ancora meglio come tutto per gli Uros giri intorno alla crescita di questa eccezionale risorsa.

Quindi, incorniciato nello splendido paesaggio del Titicaca, troviamo un luogo fuori dallo spazio e dal tempo che vale sicuramente la pena visitare anche se ovviamente la mole di turismo sviluppatosi negli ultimi anni ha intaccato la purezza di questa popolazione che oggi ha ben chiaro quale importante risorsa siano i turisti e che quindi ha modificato il suo modo di vivere, il turismo è infatti ad oggi la fonte di sostentamento maggiore per gli Uros che ogni giorno vedono arrivare persone da tutto il mondo che attraccano e si aggirano scomposti per le loro isole, curiosi e decisi a cogliere e portare via con loro almeno il ricordo indelebile di colori, odori e sapori di un paesaggio unico al mondo.
E allora questo popolo che fino a qualche anno fa viveva di pesca e scambi commerciali ha imparato a dedicarsi alla costruzione di souvenir e di tessuti ricamati di grande impatto che potrete acquistare durante il tour, vi accompagneranno addirittura su un’isola dove è possibile spedire cartoline ricordo, unico ufficio postale galleggiante come dicono loro, i bambini vi chiederanno di fare foto con voi e vi daranno il benvenuto cantando canzoni in Quechua, nonostante capiscano benissimo lo spagnolo, una volta arrivati, verrete accolti da uomini e donne in coloratissimi vestiti tradizionali che vi racconteranno tutto della loro vita, vi mostreranno le tecniche che hanno reso possibile la realizzazione di tutto quello che vedrete intorno a voi partendo da una semplice pianta, potrete fare un giro dell’arcipelago con le tradizionali imbarcazioni Uro, assistere ad una battuta di pesca, cucinare con loro e in alcune isole anche pernottare per entrare maggiormente nello spirito di questa popolazione per molto tempo ha vissuto davvero con il minimo indispensabile e che anche se oggi conosce benissimo l’uso di cellulari ed energia elettrica può aiutarci per un attimo ad imparare ad apprezzare la bellezza e la semplicità di una vita fatta di poco e resa possibile semplicemente sfruttando ciò che la perfezione della natura ci mette a disposizione a patto di saperlo cogliere, trasformare e sfruttare ma in modo sano e senza troppe pretese, una vita ancora oggi fatta di relazioni sociali, di scambi commerciali, di bambini che si stupiranno davanti al vostro smartphone o alla vostra reflex dio ultima generazione,  e di colorate sensazioni che difficilmente scorderete una volta ripartiti.

Antiche leggende di divinità ed eroi popolano, da secoli, con il loro fascino, il ventre di questo misterioso lago sacro.Dalle acque del Titicaca, nel punto in cui sorge l’Isla del Sol, sarebbero, infatti, emersi Manco Capac e Mama Ocllo, i mitici fondatori della città di Cusco. Secondo alcuni studiosi, antichi ruderi in pietra, forse antecedenti la dominazione degli Inca in Perù, appartenenti a un sito sacrificale dedicato alle antiche divinità del lago sacro, sarebbero custodite in fondo al Titicaca. Proprio sotto quelle isole galleggianti dove ancora oggi si celebrano, tra danze e feste dedicate ai turisti, i vecchi riti degli antenati.

Il punto di partenza migliore per raggiungere il Titicaca, dalla parte peruviana, è la città di Puno, nel sud est del paese. Le isole degli Uros distano dal capoluogo della regione circa 3 ore di nave. Sempre da Puno potrete salpare alla volta dell’isola di Amantaní – dove ammirerete i ruderi sacri della civiltà Tiwanaku – e di Taquile, molto apprezzata per l’arte tessile.

Se vi trovate, invece, dal lato della Bolivia, una comoda autostrada vi condurrà, in circa due ore, da La Paz a Tiwanaku e ancora al porto di Guaqui fino al confine di Desaguadero, lungo la riva occidentale del lago. Per visitare l’Isla de la Luna, una piccola isola rocciosa della Bolivia nei pressi dell’Isla del Sol, basta recarsi dalla cittadina Copacabana al villaggio di pescatori di Yampupata per noleggiare una barca e raggiungere l’isola in circa 30 minuti.

 

Che aspettate? Ad attendervi c’è un sogno. Ad attendervi c’è l’incredibile…

Booking.com

 

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Marzo 21, 2019
Intensa e segreta New York
Per rimanere aggiornato sulle ultime notizie iscriviti alla nostra newsletter inserendo il tuo indirizzo email: